Spring Course on Food and Nutrition Security – Roma, 13-17 maggio 2019

Secondo le stime delle Nazioni Unite nei prossimi 13 anni la popolazione mondiale aumenterà di circa un miliardo di persone, raggiungendo 8,6 miliardi nel 2030. Si prevedono ulteriori incrementi che porteranno la popolazione a 9,8 miliardi nel 2050 e 11,2 miliardi entro il 2100. 

Questi cambiamenti demografici sono strettamente interconnessi alla disponibilità di cibo economicamente accessibile e nutriente.

Partendo da questi presupposti, l’UNICRI, in collaborazione con la John Cabot University, presenta la Prima edizione dello Spring Course on Food and Nutrition Security, che si terrà a Roma dal 13 al 17 maggio 2019.

La sicurezza alimentare non è certamente un argomento nuovo. E tuttavia, nonostante la sua centralità, esso rimane ancora oggi una delle sfide più pregnanti e complesse per l’umanità. Il cambiamento climatico, i fenomeni migratori e un sistema economico sempre più globalizzato richiedono una riformulazione dell’intera catena di approvvigionamento alimentare. Al fine di realizzare pienamente entro il 2030 l’obiettivo Zero Fame (Zero Hunger), che è il secondo obiettivo dell’Agenda dell’ONU per lo Sviluppo Sostenibile, gli Stati Membri e le organizzazioni internazionali devono bilanciare lo sviluppo economico, la protezione dell’ambiente e la sicurezza alimentare.

L’Africa rimane ancora oggi il continente con i livelli di denutrizione più elevati. Sono tuttavia numerosi i paesi del mondo sui quali pesano conflitti, ridotte opportunità di sviluppo e condizioni ambientali avverse. Fenomeni legati al cambiamento climatico, quali le inondazioni, la desertificazione e l’erosione del suolo, lo sfruttamento illecito delle risorse e i crimini ambientali stanno producendo drammatiche conseguenze sulla produzione di cibo, mentre i conflitti armati, il terrorismo, l’assenza dello stato di diritto e l’instabilità politica riducono le capacità della popolazione di far fronte ai bisogni minimi, perpetuando il ciclo della fame, della povertà e della violenza generata dal bisogno di accedere alle risorse.

Secondo le stime delle Nazioni Unite nei prossimi 13 anni la popolazione mondiale aumenterà di circa un miliardo di persone, raggiungendo 8,6 miliardi nel 2030. Si prevedono ulteriori incrementi che porteranno la popolazione a 9,8 miliardi nel 2050 e 11,2 miliardi entro il 2100. Questi cambiamenti demografici sono strettamente interconnessi alla disponibilità di cibo economicamente accessibile e nutriente.

Nel lottare contro la malnutrizione, le istituzioni nazionali e internazionali si focalizzano sempre più sul controllo e il monitoraggio della filiera alimentare. La complessa dimensione globale della produzione e del consumo di cibo obbliga i governi ad attuare un maggiore controllo della grande quantità e varietà di cibo che si sposta lungo le tratte internazionali. A ragione di ciò, i Paesi devono pianificare strategie più efficaci per tracciare il commercio del cibo e garantire l’integrità della catena di approvvigionamento. Fenomeni criminali quali la sostituzione, l’alterazione, la falsificazione di documenti di trasporto e la contraffazione dei prodotti alimentari, hanno raggiunto dimensioni allarmanti e pongono sempre più rischi per la salute dei consumatori. Senza considerare che tali fenomeni generano profitti illeciti che consentono ai criminali di espandere i loro traffici e le loro aree di influenza. Per proteggere l’integrità della filiera alimentare e garantire a tutti una nutrizione sicura e sana appaiono essenziali standard di sicurezza e di controllo uniformi.

Il corso fornirà ai partecipanti conoscenze e aggiornamenti sulle attuali sfide in tema di sicurezza alimentare e nutrizionale. Questo percorso formativo offre una prospettiva ad ampio spettro, che consentirà ai partecipanti di apprendere le complesse interconnessioni, le sfide e i rischi su uno dei temi più importanti per il futuro dell’umanità. In particolare il corso si focalizzerà sui seguenti aspetti:

  • Verso una definizione multidimensionale della sicurezza nutrizionale e alimentare
  • La strategia delle Nazioni Unite per l’Obiettivo 2 per lo sviluppo sostenibile Zero Hunger
  • Le quattro dimensioni della sicurezza alimentare
  • Normativa in materia alimentare, protezione degli alimenti e diritto al cibo
  • L’industria del cibo e i reati alimentari: contraffazione e alterazione
  • L’industria del cibo e lo spreco alimentare
  • Gli effetti del cambiamento climatico sulla catena di approvigionamento alimentare
  • Migrazione e scarsità di cibo
  • Accesso al cibo e conflitti
  • Sicurezza alimentare in situazioni di emergenza: gli aiuti alimentari
  • Innovazione per il futuro: blockchain per Zero Hunger

Questo percorso formativo si svolgerà presso la sede della John Cabot University a Roma e si articolerà in cinque giornate di lezioni teoriche, discussioni di gruppo, presentazione di casi studio ed esercizi pratici. Il corpo docente è formato da accademici e ricercatori di alto livello della John Cabot University e di altre università, esperti delle Nazioni Unite e di altre organizzazioni internazionali, entità non governative e della società civile che si occupano di sicurezza alimentare e nutrizionale.

In questo contesto unico, i partecipanti avranno l’opportunità di interagire con esperti di rilievo internazionale, confrontarsi e costruire relazioni professionali con giovani professionisti e studenti provenienti da tutto il mondo.

Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare la relativa pagina sul sito dell’UNICRI o a inviare un’email all’indirizzo unicri.courses@un.org

Scadenza per la domanda d’iscrizione: 29 aprile 2019