migranti

Lotta al traffico e alla tratta di essere umani nel Mediterraneo: sfide, buone prassi e strategie future per la protezione dei più vulnerabili

Roma, 2 Dicembre 2016. Avrà luogo a Roma il 2 dicembre l’incontro tra esperti “Lotta al traffico e alla tratta di essere umani nel Mediterraneo: sfide, buone prassi e strategie future per la protezione dei più vulnerabili”.

L’incontro, ospitato dall’Istituto Affari Internazionali (IAI), rientra nel programma dell’Istituto Interregionale delle Nazioni Unite per la Ricerca sul Crimine e la Giustizia (UNICRI), ed è sostenuto dalla Compagnia di San Paolo.

L’evento di due giorni si aprirà con una consultazione tra gli esperti, durante il quale saranno formulate una lista di raccomandazioni. Il secondo giorno saranno discusse le strategie future nel corso di una serie di panel tematici. All’incontro parteciperanno rappresentanti dei paesi del Sud Europa e del Nord Africa, organizzazioni internazionali e organizzazioni non governative.

L’incontro avviene a seguito di un’attività di mappatura dell’UNICRI che si è proposta di esaminare le iniziative per la protezione delle vittime del traffico e della tratta, con un focus sulle donne e i minori non accompagnati. In particolare, la mappatura ha preso in considerazione azioni, programmi e progetti nella regione del Nord Africa.

L’UNICRI si pone come obiettivo quello di promuovere un’efficace collaborazione tra i paesi di origine, transito e destinazione, e di incoraggiare la condivisione sia di norme efficaci, sia di buone prassi – qui ricomprese quelle adottate a livello locale – per l’assistenza delle vittime e soprattutto dei minori non accompagnati.

Partendo dalla mappatura, l’incontro di Roma si focalizzerà su alcuni temi: la prevenzione del traffico e della tratta, l’identificazione e la protezione delle vittime, e l’integrazione sociale ed economica dei migranti. Particolare attenzione sarà dedicata all’importanza dell’assistenza allo sviluppo nel prevenire e contrastare il fenomeno.

Le consultazioni si incentreranno sull’identificazione delle criticità nell’area della cooperazione tecnica e nello sviluppo delle capacità degli attori coinvolti.

L’obiettivo ultimo dell’iniziativa è quello di promuovere una strategia regionale per contrastare il traffico e la tratta di migranti e di promuovere strategie efficaci per aiutare le vittime.

Secondo Cindy J. Smith, Direttrice di UNICRI “Le cause principali del traffico e della tratta di persone possono essere eliminate solamente seguendo strategie a lungo termine nel campo dello sviluppo umano ed economico. Possiamo ridurre significativamente le proporzioni del fenomeno integrando il rafforzamento delle capacità delle istituzioni con lo sviluppo sociale e il sostegno alle vittime. La nostra risposta al crimine organizzato transnazionale che sfrutta la globalizzazione, le nuove tecnologie, i conflitti e l’assenza dello stato di diritto, si traduce in un impegno collettivo per potenziare misure sociali, economiche, legislative e di contrasto ai trafficanti”.