featured-image-resources

La Giornata internazionale dei bambini innocenti vittime di aggressioni

Il 19 agosto 1982, durante una sessione speciale dedicata alla questione palestinese, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite si dichiarò “sconvolta dal grande numero di bambini palestinesi e libanesi innocenti vittime degli atti di violenza perpetrati da Israele”.

In quella occasione l’Assemblea Generale, con la risoluzione ES-7/8, istituì la Giornata internazionale dei bambini innocenti vittime di aggressioni, da celebrarsi il 4 giugno di ogni anno per affermare l’impegno delle Nazioni Unite per la protezione dei diritti dei bambini.

L’obiettivo della giornata è quello sensibilizzare e prendere atto del dolore che affligge i bambini che in tutto il mondo sono vittime di abusi fisici, mentali ed emotivi.

Lo sforzo delle Nazioni Unite per la protrezione dei diritti dei bambini è stato costante e ha portato all’adozione di una convenzione e a successive risoluzioni.

La Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, venne adottata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989. La Convenzione definiva per la prima volta i diritti fondamentali che devono essere garantiti a tutti bambini del mondo. Essa stabiliva un meccanismo di controllo che prevedeva la pubblicazione da parte degli stati aderenti, di un rapporto periodico da presentare a un Comitato indipendente sull’adozione e il rispetto dei diritti dei bambini nel territorio di competenza. La Convenzione è stata ratificata da 196 Stati, diventando così il trattato sui diritti umani con il più alto numero di Stati firmatari.

 Il Rapporto Machel, pubblicato nel 1996 da Graça Machel su richiesta dell’allora Segretario Generale Boutros Boutros-Ghali, diede un contributo straordinario alla conoscenza degli effetti devastanti della guerra sulla vita dei bambini.

Il Rapporto produsse un’eco a livello mondiale e creò consenso tra gli Stati Membri sulla necessità di un maggiore impegno per la protezione dei bambini coinvolti nei conflitti. Il 12 dicembre 1996 l’Assemblea Generale adottò la risoluzione 51/77, che stabiliva la nomina di un Rappresentante Speciale del Segretario Generale per i bambini e i conflitti armati per indagare sulla condizione dei bambini coinvolti nelle guerre.

Nonostante i progressi fatti dalle Nazioni Unite, negli ultimi anni, il numero delle violazioni perpetrate nei confronti dei bambini è aumentato in molte zone di guerra.

Sono 250 milioni i bambini che vivono in paesi e aree colpite dai conflitti e sono ancora i bambini a subire maggiormente le conseguenze della guerra. I bambini vengono reclutati da milizie e costretti a combattere, subiscono violenze sessuali, vengono rapiti, perdono la vita in attacchi contro obiettivi sensibili quali scuole e ospedali. Occorre fare di più per proteggere i minori che sono bersaglio dei terroristi, per la promozione del diritto internazionale umanitario e il rispetto dei diritti umani e dell’infanzia, e per assicurare che le violazioni dei diritti dei bambini siano penalmente perseguite, così come riferito da  Peter Thomson, Presidente della 71esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Salvaguardare i bambini è una priorità per le Nazioni Unite. L’UNICEF, il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, da 70 anni lavora in 190 paesi al fine di difendere i diritti e migliorare le condizioni di vita dei bambini di tutto il mondo. Tra i molti programmi, l’UNICEF conduce anche attività di prevenzione e trattamento dell’HIV/AIDS, programmi di monitoraggio della salute dei minori affetti da malnutrizione e progetti volti alla promozione del diritto all’istruzione.

L’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile approvata nel 2015 prevede un piano universale per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibe (SDGs) per garantire un futuro migliore alle nuove generazioni. Il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda assicurerebbe la riduzione di conflitti e povertà, l’accesso all’acqua e al cibo, l’istruzione e, in generale, la crezione di un mondo più sicuro per i bambini di tutto il mondo.

Questa giornata è un’importante occasione per riaffermare la volontà di ciascuno di noi di proteggere i bambini vittime di violenze. Come disse Javier Perez de Cuellar, Segretario delle Nazioni Unite nel 1983: “In questa occasione solenne occorre ricordare il sacro dovere, sancito dalla Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia, di garantire che tutti i bambini, senza alcuna eccezione, godano di una tutela speciale”.